News

19/10/2018

La Cgil rinnova i vertici: tocca a Camere del lavoro e categorie

A pochi giorni dall’arrivo a Pordenone e Udine di Susanna Camusso, alla sua ultima visita nella nostra regione da segretaria generale, la Cgil del Friuli Venezia Giulia ha imboccato la tornata finale del suo percorso congressuale. Un percorso che, prima di arrivare al rinnovo dei vertici delle categorie e delle strutture confederali, ha coinvolto 19mila iscritti, quasi il 20%, attraverso 820 assemblee organizzate nelle fabbriche, negli uffici e sul territorio dalla leghe dei pensionati.
LE CAMERE DEL LAVORO. Camusso, come già annunciato, sarà a Pordenone (Villaggio del Fanciullo) giovedì 25 ottobre, nella giornata iniziale del congresso provinciale, per poi salire venerdì 26 a Tricesimo (Hotel Belvedere), a concludere i lavori del congresso della Cgil Udine. Si sono riuniti tra ieri e oggi, invece, i delegati delle Camere del lavoro di Trieste e Gorizia, che hanno votato per la conferma dei segretari uscenti, rispettivamente Michele Piga e Thomas Casotto. «Due conferme – rimarca il numero uno della Cgil Fvg Villiam Pezzetta – che sono espressione, anche nei numeri, della compattezza dell’organizzazione e della bontà del lavoro svolto negli ultimi quattro anni nei rispettivi territori, entrambi alla presa con crisi gravi crisi da gestire come quelle di Eaton e Pasta Zara, sfide impegnative come quelle sul futuro della Ferriera di Servola e della Burgo, vertenze cruciali come quella sugli appalti Fincantieri. Da questo congresso, in entrambi i territori, deve uscire una Cgil più forte, capace di essere un attore protagonista su questi e su altri terreni, come la partita sul porto e sulla logistica e una nuova riforma della sanità che sta già determinando forti fibrillazioni, in particolare nel territorio isontino».
LE CATEGORIE. Come le Camere del lavoro, anche le categorie regionali hanno incominciato i propri congressi. Giovedì è toccato alla Fillea (edilizia e legno) e alla Fisac (banche e assicurazioni). A guidare la prima sarà ancora il confermato Emiliano Giareghi, mentre la Fisac ha una nuova segretaria regionale: si tratta della triestina Elisabetta Faidutti, che sostituisce Mattia Grion, giunto al limite statutario dei due mandati. I prossimi appuntamenti riguarderanno la Flc (scuola) lunedì 22, i meccanici della Fiom martedì 23, mercoledì 24 Funzione pubblica, Filt (trasporti) e Filctem (chimica e utility), lunedì 29 la Filcams (commercio e terziario) e per ultimi, martedì 30, i pensionati dello Spi.
IL CONGRESSO REGIONALE L’ultima tappa, prima dell’approdo alla fase nazionale, sarà il congresso della Cgil regionale, in programma l’8 e il 9 novembre nella sala del centro Balducci di Zugliano (Udine), stessa sede del precedente congresso, tenutosi nel 2014. «Torneremo al centro Balducci, luogo che da sempre è simbolo delle politiche per l’accoglienza e l’integrazione in Friuli Venezia Giulia, un tema che vede da sempre in prima linea il nostro sindacato e che è stato fortemente al centro del dibattito congressuale», sottolinea Pezzetta.